Quotidiano | Categorie: Fatti

Pfas, Guarda: "La Regione sia responsabile"

Di Note ufficiali Venerdi 17 Febbraio alle 16:03 | 0 commenti

ArticleImage

Caso Pfas, la consigliere regionale Cristina Guarda (Amp) solleva un nuovo problema, come si legge in una nota: "Nell'ultimo mese l'Ulss 8 Berica ha inviato agli allevatori che utilizzano acque contenenti valori di Pfas non conformi ai parametri del Ministero della Salute, una circolare con la quale li si invita a trovare una soluzione, da soli, al problema e di comunicarlo all'ente entro 30 giorni. Gli imprenditori dovranno decidere, senza indicazioni o istruzioni dalla regione, se chiudere il pozzo, scavarne un altro, mettere i filtri, allacciarsi all'acquedotto, terebrare il pozzo ecc. Ma mancano le risposte ad alcune domande lecite cui l'agricoltore non può rispondere da solo: dove si trovano falde non inquinate? A quanti metri di profondità non è più inquinata?

L'acquedotto è in grado di fornire la richiesta d'acqua da più allevamenti nella stessa zona, visto che una vacca da latte richiede anche 100 litri al giorno nei periodi estivi?" Chiede l'esponente leonicense che insiste: "Martedì prossimo gli allevatori avranno un incontro con l'azienda sanitaria e ci saranno molte domande e accuse di responsabilità. Probabilmente ci saranno chiarimenti, ma già da subito si può sottolineare la totale incongruenza della richiesta dovuta ad una mancanza di regia e di indirizzo. Serve un accompagnamento e una linea guida sulle operazioni da svolgere, dettata dalla Regione e dai suoi enti tecnici. Inoltre - continua la Guarda - non vi è traccia di quali siano i sostegni economici per attuare questi interventi. La Regione faccia chiarezza: le soluzioni tecniche sono tutte a carico delle aziende? Credo sia un'ipotesi inaccettabile". "Suggerirei alla Giunta di verificare la legge regionale sui consumatori (l. r. n. 27/2009) che prevede, tra gli altri, anche azioni ed interventi a favore della tutela e sicurezza della salute dei consumatori. In questo modo sarebbe possibile garantire un sostegno concreto a chi dovrà spendere soldi per realizzare gli adeguamenti richiesti. Così - conclude Guarda - si eviterebbe per l'ennesima volta, che chi non ha responsabilità alcuna sulla contaminazione da Pfas debba subire il danno e pure la beffa".

 

Leggi tutti gli articoli su: pfas, Cristina Guarda, AMP
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Venerdi 28 Aprile alle 10:28 da kairos
In L'Italia dal 77° al 52° posto per libertà di stampa: Bulgarini festeggia smentendo Variati

Venerdi 28 Aprile alle 10:27 da kairos
In L'Italia dal 77° al 52° posto per libertà di stampa: Bulgarini festeggia smentendo Variati

Giovedi 27 Aprile alle 20:12 da commentariogiornale
In Moretti questa la sapeva, il dirigente non è morto per raggi di... Roma

Sabato 22 Aprile alle 16:24 da Kaiser
In Arcugnano, bambini e artisti insieme per la rassegna "La memoria dell’acqua"
Gli altri siti del nostro network