Quotidiano | Categorie: Fatti

Montecchio Maggiore, magrebino arrestato per volantinaggio abusivo

Di Comunicati Stampa Venerdi 17 Marzo alle 17:00 | 0 commenti

ArticleImage

Volantinaggio abusivo, fermato e multato il responsabile. In corso accertamenti sulla destinazione della merce di cui si chiedeva ai cittadini la donazione. A seguito delle segnalazioni del vicesindaco Gianluca Peripoli, che aveva notato volantini appesi agli ingressi di numerose abitazioni di Montecchio Maggiore, e del consigliere comunale Maurizio Meggiolaro, che aveva visto un uomo affiggere i medesimi volantini in Piazza Marconi e via Duomo, la Polizia Locale dei Castelli ha fermato il soggetto che stava eseguendo il volantinaggio, un magrebino di 51 anni, M.L. le sue iniziali, residente in provincia di Cremona.

L'uomo era privo dell'autorizzazione comunale al volantinaggio. Per tale motivo è stato sanzionato con una multa di 50 euro e gli sono stati sequestrati oltre 500 volantini. Non avendo con sé il permesso di soggiorno, è stato inoltre segnalato alla Procura di Vicenza in base all'art. 6 del Testo Unico sugli stranieri. Nei volantini si chiedeva la donazione in buono stato di scarpe, borse, cinture, biancheria, indumenti, pentole piccoli elettrodomestici a favore di una onlus realmente esistente e con sede a Roma. "Sull'effettiva destinazione di quanto raccolto sono in corso accertamenti - spiega il Comandante della Polizia Locale dei Castelli Massimo Borgo -, anche perché stiamo verificando i rapporti tra l'onlus e la ditta di trasporti che si occupa della raccolta e di cui abbiamo identificato il titolare, un cittadino italiano di origini magrebine di 25 anni residente pure lui nel cremonese. Di solito in questi casi - continua il Comandante - l'onlus si accorda con una ditta privata che esegue la raccolta, la ditta versa all'onlus una cifra forfettaria concordata e la merce raccolta resta alla ditta che la vende tenendosi l'intero ricavato, normalmente superiore al forfettario versato all'associazione". Montecchio Maggiore è uno dei pochissimi Comuni che hanno adottato uno specifico regolamento per la distribuzione della pubblicità "porta a porta". Dal mese di marzo del 2016 il rilascio delle autorizzazioni è gestito, previe attente verifiche soprattutto sulla regolarità del personale impiegato. Nei 12 mesi di gestione da parte della Polizia Locale sono state rilasciate 384 autorizzazioni, mentre i dinieghi sono stati 41; sono stati elevati 3 verbali per forme irregolari di pubblicità porta a porta e sono stati controllati i documenti - esibiti al momento della richiesta - di circa 1200 persone, quasi tutte straniere.

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Venerdi 19 Maggio alle 10:05 da zenocarino
In Variati: “I tagli alle Province sono tagli ai servizi. Facciamo appello alla responsabilità del Parlamento”

Domenica 14 Maggio alle 07:29 da kairos
In Dopo BPVi e Fiera alla morte di Vicenza mancano solo la retrocessione del Vicenza e la cessione di Aim

Venerdi 28 Aprile alle 10:28 da kairos
In L'Italia dal 77° al 52° posto per libertà di stampa: Bulgarini festeggia smentendo Variati

Venerdi 28 Aprile alle 10:27 da kairos
In L'Italia dal 77° al 52° posto per libertà di stampa: Bulgarini festeggia smentendo Variati
Gli altri siti del nostro network