Quotidiano | Categorie: Fatti

Arzignano, vandali in centro: forze dell'ordine all'opera

Di Comunicati Stampa Lunedi 20 Marzo alle 16:55 | 0 commenti

ArticleImage

Continua l'attività di indagine dei carabinieri e della polizia locale di Arzignano in seguito ai vergognosi atti di vandalismo che hanno interessato il centro storico nella nottata di sabato.
I vandali avevano preso di mira l'arredo urbano nella zona delle piazze centrali di Arzignano sabato notte, danneggiando fioriere, tavolini e addirittura rubando la bandiera italiana da piazza Marconi.
Carabinieri e polizia locale hanno individuato una pista e si auspica che porti all'individuazione dei responsabili di quanto accaduto. Fondamentali nelle indagini le immagini di videosorveglianza del Comune e le riprese di alcune telecamere di alcuni esercizi privati.

"Mi fa piacere che le forze dell'ordine stiano perseguendo una pista", dichiara il sindaco di Arzignano, Giorgio Gentilin. "Spero che chiudano le indagini al più presto e vengano individuati i responsabili. Ringrazio carabinieri e polizia locale per il loro lavoro, sempre efficiente ed efficace. Arzignano -conclude il sindaco- nonostante la carenza di organico dei vigili urbani rimane una città attenta alla sicurezza dei cittadini. Ringrazio gli stessi cittadini per la collaborazione che offrono in questi momenti e spero che i responsabili siano non solo individuati ma anche puniti per quanto hanno fatto". Ecco le zone danneggiate: Piazza Marconi è stata divelta la corda della bandiera ed è stata rubata la bandiera della Repubblica Italiana. Piazza Valmadem, dove due vasi sono stati rovesciati a terra davanti alla pulitura Candidus e tre scooter sono stati rovesciati a terra davanti alla Gastronomia San Marco. Via Grifo, dove un tavolino è stato divelto e buttato in strada davanti alla pasticceria Sammartin e due vasi sono stati rovesciato davanti alla negozio Delizie e Sapori. Piazza Libertà, dove una colonnina per chiusura catene è stata depositata sopra i tavoli del bar tabaccheria Grifo. Vicolo Rizzetti, dove è stato aperto un vano contatori, vi sono state depositate delle bottiglie di vetro, il cestino rifiuti posto davanti alla biblioteca è stato divelto e gettato in vicolo Rizzetti e sono stati buttati a terra i vasi posti di fronte all'entrata della libreria Mondadori.

Leggi tutti gli articoli su: Giorgio Gentilin
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Venerdi 19 Maggio alle 10:05 da zenocarino
In Variati: “I tagli alle Province sono tagli ai servizi. Facciamo appello alla responsabilità del Parlamento”

Domenica 14 Maggio alle 07:29 da kairos
In Dopo BPVi e Fiera alla morte di Vicenza mancano solo la retrocessione del Vicenza e la cessione di Aim

Venerdi 28 Aprile alle 10:28 da kairos
In L'Italia dal 77° al 52° posto per libertà di stampa: Bulgarini festeggia smentendo Variati

Venerdi 28 Aprile alle 10:27 da kairos
In L'Italia dal 77° al 52° posto per libertà di stampa: Bulgarini festeggia smentendo Variati
Gli altri siti del nostro network