Quotidiano | Categorie: Fatti

Alex Cioni (Prima Noi): "Nel vicentino possibili requisizioni di alcuni alberghi"

Di Redazione VicenzaPiù Martedi 18 Aprile alle 12:04 | 0 commenti

ArticleImage

Le notizie di questi ultimi giorni sono drammatiche. Durante il ponte pasquale le navi della marina militare, dalla guardia costiera e dalle Ong hanno prelevato in mare 8500 persone, mentre in queste ore altre centinaia stanno per essere trasportate nei porti siciliani, ma altri sbarchi sono stati intercettati a Sulcis in Sardegna, a Reggio Calabria, e a Lampedusa. Secondo Alex Cioni, portavoce del comitato di cittadini PrimaNoi, questi sono numeri da "esodo biblico che devono essere fermati e lo si può fare solamente attraverso i respingimenti in mare. Tutto il resto sono pannicelli caldi se non proprio dei palliativi che continuano a favorire i flussi di immigrati incentivandoli ad imbarcarsi sui gommoni dei trafficanti".

Le indiscrezioni registrate in queste ore confermano lo stato di affanno in cui si trovano i funzionari dell'ufficio territoriale del Governo di Vicenza. Pare che dalla prefettura stiano partendo numerose chiamate verso i proprietari degli alberghi vicentini per sondarne la disponibilità ad accogliere i migranti. "Con la mole di millantatori in arrivo, il sistema dell'accoglienza è sempre più in procinto di implodere" spiegano dal comitato. "In base alle notizie di cui disponiamo, abbiamo motivo di credere che in assenza nel breve termine di nuove disponibilità di posti letto, qualche albergo rischia di venire requisito come già accaduto nel veronese". Il comitato lancia un appello agli albergatori: "Non cedete alle pressioni dei funzionari governativi anche se dovessero risultare intimidatorie, mentre se qualche sconsiderato pensa di mettersi in affari con il Governo, dovrà pure calcolare che non staremo a guardare, come abbiamo dimostrato in svariate occasione".

Intanto è questione di giorni se non di ore l'arrivo dei richiedenti asilo presso l'ex ristorante di via 1° Maggio a Sarcedo. Dopo le polemiche dei giorni scorsi, il comitato scommette sul fatto che difficilmente l'accordo tra il sindaco Cortese e il Prefetto sarà rispettato. "O trovano altri posti letto, magari requisendo un albergo o qualche appartamento sfitto, o le strutture già operative nel vicentino o in procinto di esserlo, saranno riempite completamente anche oltre al limite dei posti disponibili". A Sarcedo sono avvertiti.

Leggi tutti gli articoli su: Alex Cioni, PrimaNoi
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Venerdi 28 Aprile alle 10:28 da kairos
In L'Italia dal 77° al 52° posto per libertà di stampa: Bulgarini festeggia smentendo Variati

Venerdi 28 Aprile alle 10:27 da kairos
In L'Italia dal 77° al 52° posto per libertà di stampa: Bulgarini festeggia smentendo Variati

Giovedi 27 Aprile alle 20:12 da commentariogiornale
In Moretti questa la sapeva, il dirigente non è morto per raggi di... Roma

Sabato 22 Aprile alle 16:24 da Kaiser
In Arcugnano, bambini e artisti insieme per la rassegna "La memoria dell’acqua"
Gli altri siti del nostro network